Rapina con accoltellamento a Re di Roma

re di romaIl 12 giugno 2015 le forze dell’ordine di Roma, specificamente gli agenti del Commissariato San Giovanni, procedevano all’arresto di un giovane romano di diciannove anni coinvolto qualche ora prima in una rapina nei pressi della Piazza Re di Roma, segnatamente in via Ardea, a danno di altri ragazzi che si stavano intrattenendo in zona. Il ragazzo, dopo esser stato fermato, veniva immediatamente accompagnato presso il Commissariato Viminale e accusato di rapina aggravata e tentato omicidio.

Leggi tutto

Grottaferrata: morire davanti a un Pub dopo una birra

grottaferrata pubNel marzo del 2015 è giunta la sentenza della prima Corte d’Assise di appello di Roma che, in parziale riforma della sentenza di primo grado, ha condannato a sedici anni di reclusione, per omicidio e per tentato omicidio, Stefano Conti, nonché a quattro anni di reclusione per rissa Mirko Scarrozza.

Leggi tutto

Condanne confermate per il caso delle “baby squillo” dei Parioli

Condanne per le baby squillo dei ParioliCon sentenza del 10 settembre 2015, la Corte d’appello di Roma confermava, anche se in parziale riforma, le condanne già intervenute in primo grado per le persone coinvolte in uno dei recenti scandali romani, forse il più amaro, ossia quello del giro di prostituzione, anche minorile, nel cuore del quartiere Parioli.

La condanna più pesante veniva inflitta a Mirko Ieni, l’uomo che secondo l’accusa aveva reclutato le ragazze, frequentanti il ginnasio, mettendo loro a disposizione un appartamento e un telefono per fissare gli incontri, nonché gestendo la contabilità del business. Ieni veniva condannato a 9 anni e 4 mesi di reclusione.

Leggi tutto

Risolta la diatriba fra Comune e proprietà per le strade vicinali di Gavignano

Gavignano Strade VicinaliCon la sentenza del 9 aprile 2013 n.1940 il Consiglio di Stato dichiarava la parziale illegittimità dell’ordinanza del Sindaco di Gavignano, con la quale veniva ordinata l’eliminazione di una serie di recinzioni di alcuni terreni agricoli, allo scopo di consentire il passaggio in quattro strade vicinali che attraversavano proprio quel terreno.

I giudici del secondo grado di giudizio osservavano come tre di tali strade non fossero più realmente identificabili e individuabili nella loro consistenza e, in ragione del fatto che in materia di strade vicinali agli elenchi stradali va riconosciuta natura meramente ricognitiva, non può essere ordinata la demolizione delle recinzioni posizionate dai privati su strade non più riconoscibili.

Leggi tutto

"Operazione Pizzuttella" per debellare lo spaccio di droga fra Segni e Artena

Segni Operazione PizzuttellaAll’alba del 31 marzo 2014 scattavano nel territorio di Segni 14 arresti, con altrettante ordinanze di applicazione di misure custodiali a carico degli appartenenti di due diverse organizzazioni criminali, operanti nelle aree di Segni ed Artena.

Gli arresti intervenivano all’esito di quella che veniva definita Operazione Pizzutella, dal nome di una varietà di uva molto diffusa nell’area interessata.

Leggi tutto

Stupro in Caserma al Quadraro: quando il licenziamento diventa un miraggio

Quadraro stupro in casermaNel settembre 2012 il Tar del Veneto reintegrava nel proprio posto di lavoro uno dei Carabinieri accusati di aver partecipato allo stupro consumatosi nella caserma del Quadraro nel 2011.

Dopo l’accaduto e le conseguenti accuse elevate nei confronti dei Carabinieri presenti quella notte e colpevoli, secondo la donna, di una vera e propria violenza di gruppo, l’Arma aveva iniziato una procedura disciplinare che aveva portato al congedo, tra gli altri, di Cosimo Stano. Tuttavia, il Tar del Veneto consentiva allo stesso di essere reintegrato in servizio.

Leggi tutto

Tentata violenza a minorenne a Rocca di Papa: il mostro in famiglia

rocca di Papa tentata violenzaIl 12 settembre 2015, dopo alcune ricerche svolte dai Carabinieri del luogo, è stato arrestato a Rocca di Papa un uomo di 49 anni, di nazionalità romena, residente presso la dependance di una villa del posto, ove lavorava come giardiniere.

L’uomo, accusato di tentata violenza sessuale, successivamente alla chiamata del 112 da parte della vittima, è stato immediatamente tradotto presso la casa circondariale di Velletri, per essere sottoposto alla convalida dell’arresto e alla successiva applicazione della custodia cautelare in carcere.

Leggi tutto

Tentato furto a Termini: una condanna esemplare o ingiusta?

Termini tentato furto di cellulareCon sentenza del luglio 2014, il Tribunale di Roma condannava un quarantenne di origini algerine alla pena della reclusione per anni 3 e mesi due.

L’accusa contestata era quella di aver tentato di sottrarre un cellulare al legittimo proprietario, estraendolo dalla sua tasca mentre il soggetto si trovava su un mezzo pubblico, ossia sul treno della metropolitana.

Leggi tutto

Grottaferrata: quando l’asilo non tutela i nostri figli

Grottaferrata asilo chiusoNel settembre 2015 il Tar del Lazio ha confermato il provvedimento con cui il 21 novembre 2013 il Commissario Prefettizio Enzo Caporale aveva disposto la chiusura di un asilo di Grottaferrata.

Secondo quanto riportato nel superiore provvedimento, giudicato legittimo e pertanto confermato dal Tribunale Amministrativo Regionale del Lazio, nelle aule destinate ad accogliere i bambini erano state riscontrate carenze igienico – sanitarie che ne mettevano in pericolo la salute stessa, nonché una scarsa attività di adattamento dei locali alla destinazione cui erano preposti.

Leggi tutto

Condannato il “Madoff dei Parioli” che truffava i Vip

Il Madoff dei Parioli a processoNel febbraio 2015 la quinta sezione penale della Corte di Cassazione confermava la condanna a colui che è stato ribattezzato come il Madoff dei Parioli, ossia Gianfranco Lande, riconosciuto colpevole del reato di associazione a delinquere finalizzata all’abusivismo finanziario, con un danno per i celebri clienti pari a circa 300 milioni e condannato a sette anni di reclusione.

Leggi tutto

Lanuvio: 10 anni di carcere per aver ucciso il marito a coltellate

Lanuvio moglie uccide marito a coltellateLa I Corte d’assise d’appello di Roma, che vanta tra i suoi componenti il noto scrittore, oltre che magistrato, Giancarlo De Cataldo, nel marzo 2015 confermava parzialmente la condanna inflitta dalla Corte d’assise di Roma a Lucrezia Varesi, donna oggi cinquantasettenne di Lanuvio, colpevole di aver ucciso il marito a coltellate. La pena ridotta a dieci anni, per l’attenuante di aver agito in stato d’ira determinato da fatto ingiusto altrui.

Leggi tutto

Condanne per la guerriglia urbana a San Giovanni

Guerriglia urbana a San GiovanniGià da giugno 2015 sono cominciate ad arrivare le prime condanne definitive per le decine di persone che si erano rese responsabili degli scontri del 15 ottobre 2011 nel corso di una manifestazione che partiva da Piazza della Repubblica per arrivare poi a concludersi a San Giovanni.

La scorsa estate la Cassazione ha infatti confermato le condanne in appello nei confronti di Davide Rosci, Cristian Quatraccioni e Mauro Gentile, apportando una lieve riduzione di pena in conseguenza del riconoscimento delle attenuanti generiche.

Leggi tutto

x

I cookie ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi, l'utente accetta le nostre modalità d'uso dei cookie: dettagli

Accetta